Alessandro Michele lascia la carica di direttore creativo di Gucci

Commento

MILANO – Alessandro Michele lascia il suo ruolo di direttore creativo di Gucci, la casa di moda ha annunciato mercoledì, ponendo fine a un mandato di otto anni che ha ridefinito nettamente i codici di Gucci con romanticismo e fluidità di genere, alimentando nel contempo i ricavi per Kering genitore.

Womenswear Daily ha riportato la prevista partenza di Michele martedì, citando fonti secondo le quali Michele non era riuscito a soddisfare la richiesta di “avviare un forte cambiamento di design” e che il presidente della società madre di Gucci, Kering, Francois-Henri Pinault, stava cercando un cambio di passo .

Nessuna menzione di tali mosse dietro le quinte è stata fatta nella dichiarazione che annunciava la partenza di Michele, in cui Gucci gli attribuiva il merito di aver svolto “un ruolo fondamentale nel rendere il marchio quello che è oggi attraverso la sua creatività rivoluzionaria”.

Michele ha citato “diverse prospettive” come motivo del suo allontanamento, senza approfondire.

“Oggi si conclude per me un viaggio straordinario, durato più di 20 anni, all’interno di un’azienda a cui ho dedicato instancabilmente tutto il mio amore e la mia passione creativa”, ha dichiarato.

Michele è stato nominato direttore creativo nel gennaio 2015, pochi giorni dopo aver guidato un team creativo che ha messo insieme una sfilata di abbigliamento maschile in soli cinque giorni, in seguito alla precipitosa uscita del suo predecessore. Quella collezione ha annunciato la nuova direzione di Gucci, con camicette da uomo in seta con fiocchi elaborati e colli arruffati insieme a mantelle bordate di pelliccia, mentre Michele ridefiniva i codici di abbigliamento maschili.

Per la maggior parte del suo mandato, Gucci ha realizzato entrate stellari, rappresentando la maggior parte dei profitti di Kering. Ma recentemente è stato sottoposto a un certo controllo dopo aver sottoperformato i rivali.

Le collaborazioni di Michele con l’élite e i VIP di Hollywood erano spesso radicate nelle amicizie. Jared Leto è stato spesso ospite in prima fila alle sfilate di Gucci durante il mandato di Michele, adottando per un certo periodo gli stessi capelli lunghi e lisci e la barba sfoggiati dal designer Gucci.

Michele ha anche vestito notoriamente Billie Eilish, Florence Welch e la rock band italiana Maneskin nel suo attuale tour. E ha recentemente svelato una collezione disegnata con Harry Styles.

Per la sua ultima collezione in passerella, svelata a settembre, Michele ha costruito un universo parallelo di sfilate fianco a fianco separate da un muro che, una volta sollevato, ha rivelato due gemelli dall’aspetto identico che camminano in sincronia. La rivelazione delle 68 serie di gemelli vestiti in modo identico ha lasciato le fashioniste normalmente stanche confessando di essere state portate alle lacrime.

Michele è entrato in Gucci nel 2002, diventando socio del direttore creativo nel maggio 2011. Nel 2014 è stato nominato direttore creativo del marchio di porcellane Richard Ginori, di proprietà di Gucci. In precedenza ha lavorato come designer di accessori senior presso Fendi e ha studiato all’Accademia di Costume e di Moda di Roma.

L’amministratore delegato e presidente di Gucci, Marco Bizzarri, ha ringraziato Michele “per i suoi 20 anni di impegno in Gucci e per la sua visione, devozione e amore incondizionato per questa maison unica”.

“La strada che Gucci e Alessandro hanno percorso insieme negli ultimi anni è unica e rimarrà un momento eccezionale nella storia della maison”, ha dichiarato Pinault in una nota.

Gucci ha affermato che il team di design interno si occuperà delle collezioni fino a quando non verrà nominato un nuovo direttore creativo.

“A loro va il mio augurio più sincero: possiate continuare a coltivare i vostri sogni, la materia sottile e intangibile che rende la vita degna di essere vissuta”, ha detto Michele nel suo saluto di commiato.

Leave a Comment