Brendon McCullum pianifica una vacanza all’insegna del golf e dell’avventura per i giocatori inglesi | Squadra inglese di cricket

Brendon McCullum sta organizzando un campo di legame di squadra di una settimana per i giocatori di test inglesi in Nuova Zelanda il prossimo anno come parte della filosofia del nuovo allenatore di massimizzare il divertimento e il relax fuori dal campo.

Una caratteristica della straordinaria vittoria dell’Inghilterra nell’inizio dell’estate dei test – quattro inseguimenti consecutivi che hanno raggiunto il picco con un record di 378 contro l’India a Edgbaston – è stato un allentamento di qualsiasi rigida richiesta di allenamento da parte di McCullum e del suo capitano, Ben Stokes, con i giocatori che hanno dato maggiore dire sulla loro preparazione pre-partita.

Anche il coprifuoco di mezzanotte in vigore dall’inizio di Ashes 2017-18 è stato temporaneamente revocato la notte di ogni vittoria e con le bolle restrittive di biosicurezza ora rimosse, la squadra ha eliminato gran parte dell’ansia collettiva che ha ostacolato i due precedenti anni.

In segno del nuovo approccio, sono in corso i piani per i giocatori di palla rossa inglesi di trascorrere una settimana a Queenstown, nell’isola meridionale nativa di McCullum, prima della loro serie di due partite in Nuova Zelanda il prossimo febbraio. Non saranno ammessi media, non si giocherà a cricket e ci si aspetta che vengano organizzate una serie di attività, tra cui golf e sport d’avventura.

Contrasta con l’estenuante boot camp bavarese organizzato da Andy Flower prima del vittorioso tour Ashes 2010-11, ma è in linea con l’atmosfera che ha prevalso in questa stagione. I giocatori possono arrivare a terra solo 30 minuti prima dell’inizio del gioco se non intendono riscaldarsi, in particolare nei giorni di battuta.

Stokes, che ha rivelato che stava riflettendo su questo approccio mentre era ancora un giocatore nei ranghi, ha dichiarato: “La prima chiacchierata con Baz [McCullum] era: ‘Sì, possiamo farlo in questo modo, perché no?’ Finché tutti escono alle 11:00 – o alle 10:30 di quest’ultima partita – e sono a proprio agio nel sapere che la loro preparazione è stata eseguita nel modo in cui desiderano come individui per uscire e esibirsi, allora perché non dovresti farlo come Quello?

“La cosa del riscaldamento è stata che dicevo: ‘Perché ci riscaldiamo quando stiamo battendo? Qual è lo scopo di fare alcune prove per salire e sedermi di nuovo nel mio kit di allenamento? Ha tolto tutte le pressioni esterne che ti dà lo sport internazionale”.

Stuart Broad sarà incoraggiato ad aumentare il totale dei punti piuttosto che semplicemente a battere fino alla fine. Fotografia: Mike Egerton/PA

Un’altra novità è uno sguardo rinnovato al ruolo del guardiano notturno: negli inseguimenti di corsa da Lord’s, Headingley ed Edgbaston, Stuart Broad è stato riempito come prossimo uomo con le istruzioni per sgobbare corse veloci, piuttosto che arrivare fino in fondo. Questo ruolo, soprannominato “Nighthawk”, non è stato ancora schierato ma è atteso con impazienza.

Alla domanda sull’aggressività che lui e McCullum hanno portato al setup, Stokes ha risposto: “Penso che una parola migliore sia positiva. Osservando ogni situazione in cui ci ritroveremo e guardando sempre qual è la cosa positiva da fare.

“Per esempio [on day four at Edgbaston] abbiamo rinominato in cosa consiste il guardiano notturno. L’abbiamo chiamato ‘Nighthawk’. Quello era Broady. Stava uscendo con mezz’ora rimasta per giocare per provare a sgobbare letteralmente. Ecco a che punto siamo in questo momento: è fantastico”.

Stokes ha detto che non gli importava se il Nighthawk avesse fatto “30 corse con 10 palline o niente con una” e ha aggiunto: “Voglio che 11 giocatori di cricket altruisti che rappresentino il loro paese vadano là fuori e giochino a cricket ed è quello che abbiamo al momento.

“Non è solo con la mazza. Questo ottiene sempre il plauso per quanto sia eccitante, ma anche con la palla in mano tutti sono impegnati per la causa dei piani che abbiamo in atto. Vogliamo creare un’eredità di Test cricket. Lo abbiamo fatto nel cricket con palla bianca e abbiamo visto altre squadre seguire quelle orme”.

Nel frattempo, Moeen Ali lascerà il Worcestershire alla fine della stagione dopo aver firmato un contratto triennale con il suo club per ragazzi, il Warwickshire. Come ha recentemente rivelato il Guardian, la mossa del 35enne arriva dopo aver rifiutato un’offerta più redditizia dallo Yorkshire.

Leave a Comment