CLASSIFICA POWER: chi ha preso il primo posto dopo una dura gara a Monaco?

Il Gran Premio di Monaco del 2022 su bagnato e asciutto ha visto Charles Leclerc perdere contro il suo compagno di squadra, più entrambe le Red Bull, quando Sergio Perez ha ottenuto la sua prima vittoria stagionale. Ma chi ha impressionato i giudici e chi è in cima alla classifica adesso? Scorri verso il basso per vedere.

Come funziona

  • La nostra giuria di cinque giudici valuta ogni pilota dopo ogni Gran Premio e li valuta su 10 in base alle loro prestazioni durante il fine settimana, eliminando le macchine dall’equazione

  • I punteggi dei nostri esperti vengono quindi calcolati come media per produrre un punteggio di gara, con quei punteggi che vengono poi conteggiati durante la stagione nella nostra classifica generale delle classifiche di potenza (in fondo alla pagina)


Un Perez quasi impeccabile ha ottenuto il punteggio più alto questo fine settimana dopo aver saltato le Ferrari e tenuto Sainz, più il compagno di squadra della Red Bull Verstappen, dietro in un impegnativo stint finale con pneumatici a grana media. Ci sono state alcune chiamate ravvicinate, il messicano è quasi stato superato – o raccolto – attraverso il tornante, ma ha mantenuto la calma in una delle impostazioni più difficili.

ANALISI: Perché Red Bull e Sergio Perez hanno prolungato il loro matrimonio fino alla fine del 2024


2-LEC.jpg

La sensazionale pole position di Leclerc lo ha preparato per quella che sembrava essere una probabile prima vittoria in casa. Ma la pioggia significava che il pilota monegasco avrebbe dovuto affrontare un compito difficile per mantenere il suo vantaggio, e così è stato, la strategia della Ferrari si è sbrogliata e la Red Bull è saltata in vantaggio mentre Leclerc è sceso al quarto posto. I giudici gli hanno dato un punteggio alto e non c’è dubbio che Leclerc sia stato sfortunato a non vincere sia questo che il precedente GP di Spagna.

LEGGI DI PIÙ: La strategia della Red Bull chiama quella Ferrari sbagliata dopo il cruciale incidente di qualificazione di Perez a Monaco


3-NOR.jpg

La tonsillite ha fatto ben poco per dissuadere Norris da un ottimo traguardo a Monaco. Qualificandosi con un brillante quinto, il pilota della McLaren è riuscito a finire sesto sulla strada e prendere il punto bonus per il giro più veloce mentre il compagno di squadra Ricciardo è riuscito solo 13°. Inoltre, Norris ha chiuso con oltre 30 secondi di vantaggio su Alonso di Alpine.

LEGGI DI PIÙ: Norris sollevato per aver terminato il GP di Monaco “ricompensante” al sesto posto dopo aver superato tonsillite e pioggia torrenziale


4-SAI.jpg

Sainz è stato surclassato da Leclerc sabato dopo essersi schiantato contro la Red Bull colpita dell’eventuale vincitore Perez. Dal secondo in griglia, sembrava che lo spagnolo avesse la possibilità di vincere la gara se non fosse stato compromesso dietro un backmarker durante un giro di uscita dai box. La sua faccia diceva tutto, davvero. Ma ha ottenuto un punteggio abbastanza solido dai giudici e ha concluso davanti al compagno di squadra Leclerc.

LEGGI DI PIÙ: “La vittoria della gara c’era”, dice Sainz dopo l’agrodolce Monaco P2


4-RUS.jpg

Un altro traguardo tra i primi cinque per Russell, che davvero non avrebbe potuto finire più in alto con i primi classificati che sono arrivati ​​​​alla fine. Il ritmo del pilota Mercedes lo ha portato ben davanti ai centrocampisti – 12 secondi di vantaggio sul sesto posto Norris – e quasi 40 secondi sul compagno di squadra Hamilton.

LEGGI DI PIÙ: Wolff crede che “il pendolo oscillerà” a favore di Hamilton dopo una serie di “situazioni sfortunate”


6-ver.jpg

Verstappen è stato fuori dal ritmo del compagno di squadra Perez per tutto il fine settimana, e ciò alla fine è culminato con il pilota della Red Bull che è arrivato terzo dietro alla sua controparte della Red Bull e alla Ferrari di Sainz. L’olandese è comunque riuscito a conquistare il podio finale dopo aver saltato il poleman Leclerc e, soprattutto, ha la testa della classifica in Azerbaigian.

LEGGI DI PIÙ: Verstappen afferma che la Red Bull ha fatto un “lavoro davvero buono” con la strategia dopo aver terminato davanti al rivale Leclerc a Monaco


6-ALO.jpg

Non è riuscito a tenere il passo con Norris, ma Alonso ha comunque avuto un buon fine settimana, qualificandosi settimo e finendo lì, reggendo un treno di auto tra cui Hamilton. Fu uno spettacolo di guida calcolato, anche se un po’ irritante per chi lo seguiva, che assicurò punti utili all’Alpino.

LEGGI DI PIÙ: Alonso è contento del settimo posto a Monaco dopo una “gara complicata”, ma Ocon è uscito frustrato dalla penalità di 5 secondi


8-vet.jpg

Vettel ha inchiodato le qualifiche per entrare nella Q3 e assicurarsi il nono posto in griglia, il pilota dell’Aston Martin ha commesso un errore iniziale perdendo un posto a favore di Ocon. Il suo passo in gara è stato decente, anche se il quattro volte iridato ha perso in seguito contro Bottas e Ocon. È stato promosso a punti quando il pilota alpino ha subito una penalità di cinque secondi.

LEGGI DI PIÙ: Vettel è felice di non lasciare il Monaco “a mani vuote” dopo il traguardo in P10, poiché Stroll prende i lati positivi dalla “gara difficile”


8-GAS.jpg

Forse sfortunato a qualificarsi 17° visto il traffico alla fine del Q1, Gasly si è messo in moto dopo uno stop anticipato per le gomme intermedie. Una dimostrazione di passo fiducioso intorno a Monaco, con alcuni sorpassi brillanti, lo ha visto salire al 12° posto, ma è stato fermato sulle sue tracce quando sono sventolate le bandiere rosse. Il francese è stato promosso P11 quando il connazionale Ocon ha preso il suo rigore.

LEGGI DI PIÙ: La “creatività” mi ha aiutato a combattere dalla P17 alla P11, dice Gasly, mentre Tsunoda affronta il destino opposto a Monaco


10-bot.jpg

Bottas non è riuscito a mettere insieme le carte in regola in qualifica – forse non è una sorpresa visto che è stato ancora una volta ostacolato da problemi di affidabilità nelle prove libere del venerdì – ma il pilota dell’Alfa Romeo è stato uno dei pochi a capitalizzare quando è passato dal bagnato alle slick e ha concluso 10°. La nona posizione è stata la sua ricompensa quando quella penalità di cinque secondi ha colpito Ocon.

LEGGI DI PIÙ: Zhou racconta la splendida parata del Monaco mentre Bottas è stato sostenuto da un altro traguardo a punti

Perdendo

Magnussen ha perso la top 10 questa settimana. Il pilota Haas si è ritirato per un problema al propulsore ma, qualificandosi 13°, era davanti al compagno di squadra Schumacher e correva 11° prima che si verificassero problemi di affidabilità.

Classifica


monleaderboard.jpg

Leave a Comment