L’Aston Martin non è più “fissata” dall’assetto della F1 dall’aggiornamento della Spagna

Dopo un inizio difficile della stagione 2022 che l’ha vista crollare in fondo al campionato costruttori dopo tre round, l’Aston Martin ha apportato una serie di modifiche visibili al design della sua vettura AMR22 per il Gran Premio di Spagna il mese scorso.

Sono state tracciate somiglianze tra l’auto RB18 della Red Bull e l’Aston Martin rivista, che è stata soprannominata una “Red Bull verde”, ma la FIA era soddisfatta che il team avesse progettato l’auto in modo indipendente e tramite procedure legali.

Da quando ha debuttato con l’aggiornamento, la forma dell’Aston Martin ha preso una ripresa guidata da Sebastian Vettel, che ha raggiunto la Q3 a Monaco e Baku prima di segnare punti in entrambe le gare. Vettel è arrivato sesto a Baku, il miglior risultato stagionale della squadra, che ha pareggiato con Haas nella classifica delle squadre.

Il direttore delle prestazioni dell’Aston Martin, Tom McCullough, ha ritenuto che il team avesse imparato molto sull’aggiornamento sin dal suo debutto su tre diversi tipi di pista, dimostrando che l’auto ora era “un po’ più praticabile”.

“Possiamo utilizzarlo in finestre operative più ampie e questo significa solo che possiamo concentrarci sull’ottimizzazione della vettura in un modo più tradizionale durante un fine settimana di gara, ottenere il massimo dalle gomme, comprendere l’aderenza, contenuti limitati rispetto a contenuti apparentemente limitati , ottenendo il giusto set-up sull’auto”, ha detto McCullough.

“È un po’ più tornato alla normalità. All’inizio dell’anno, eravamo fortemente dominati da alcune caratteristiche, il che significava che eravamo bloccati dal punto di vista delle cose.

“Quindi è molto più divertente, molto più facile. [There is] ancora molto lavoro da fare”.

Sebastian Vettel, Aston Martin AMR22

Foto di: Carl Bingham / Immagini di sport motoristici

L’Aston Martin ha deciso di sviluppare quello che sarebbe poi diventato l’aggiornamento per la Spagna in tandem con la sua specifica di lancio iniziale già nell’agosto dello scorso anno.

L’ordine del centrocampo è stato abbastanza fluido durante la prima parte della stagione in base ai nuovi regolamenti, ma McCullough è stato incoraggiato dagli sviluppi che l’Aston Martin aveva pianificato e dal suo potenziale per entrare in lotta.

“Il potenziale sarà sempre lì per tutti su e giù per la griglia in questo momento”, ha detto McCullough.

“Sono regole così nuove. Abbiamo iniziato l’anno [in a] certa direzione, abbiamo leggermente cambiato, ma tutti gli sviluppi che sono arrivati ​​in pista e stanno arrivando in pista, sono incoraggianti per il futuro.

“Ma nessuno si ferma, quindi cercheremo di spingere il più possibile e diventare il più competitivi possibile”.

Leggi anche:

La corsa di Vettel al sesto posto a Baku ha segnato il miglior risultato dell’Aston Martin da quando il compagno di squadra Lance Stroll ha chiuso nella stessa posizione in Qatar lo scorso novembre.

Il quattro volte campione del mondo ha ritenuto che la squadra stesse “spremendo un po’ di più ogni volta” con il nuovo pacchetto, aiutandola a fare passi avanti.

“Abbiamo imparato molto dal Barcellona”, ha detto Vettel.

“Non avevamo pezzi nuovi per [Baku] ma siamo riusciti a spremere un po’ di più, capire, provare tante cose e rischiare nelle sessioni dove poteva andare storto.

“Dal punto di vista ingegneristico, stiamo andando davvero bene, estraendo quello che c’è nell’auto”.

Leave a Comment